Cerca
  • Frank Gordon Payne Malvolti

Considerazioni


Sono entrato in contatto con questa realtà storica nel 1970. I conti Malvolti hanno fatto interventi migliorativi fino all'utimo decennio dello scorso secolo. Dal 2000 è come se un sipario fosse sceso a porre termine alla loro opera. Come se fossero giunti all'ultimo atto della commedia della loro vita.

Il nuovo secolo del terzo millennio li ha visti invecchiare, com'è naturale. Le loro attività si sono limitate a qualche manifestazione, come il concerto annuale organizzato dagli Amici della Musica di Mestre e tenuto sotto il portico ovest della villa. E agli incontri con il Gruppo Micologico Bruno Cetto, condotto con grande competenza dall'amico prof. Giuliano Ferrarese che da quarant'anni organizza eventi attorno a questo mondo straordinario e sorprendentemente ricco dei funghi. In passato i miei avevano organizzato mostre di pittura con i maggiori pittori veneti della seconda metà del 900.

Sono figlio del primo matrimonio di mia madre con lo scozzese John Leslie Payne e conclusosi ben presto. Con gli anni Cinquanta mia madre è tornata in Italia portandomi con sé. Conobbe il conte Francesco Malvolti in quel periodo ma lo sposò solo quando mi sposai io, per non farmi mancare la sua instancabile presenza e cura di madre. Non potevo decidere praticamente niente sulla conduzione della villa. Il conte Francesco Malvolti è scomparso nel 2015. Mia madre lo ha seguito nel 2017. Così sono rimasto solo a decidere su come mantenere il patrimonio lasciatomi. Così io - che ho fatto il musicista, cartoonist, illustratore ed enigmista - ho dovuto diventare imprenditore di me stesso.

Dall'arte alla parte... Con mia moglie, Vincenza Artioli, e mio figlio Francesco, ho deciso di avviare delle attività culturali e turistiche. La villa richiede interventi costosi e servono cospicui capitali per mantenerla. Abbiamo deciso di avviare una Casa Vacanze - airbnb - per dare modo ai turisti che giungono da tutto il mondo per visitare soprattutto Venezia, di soggiornare in una dimora storica dove ancora si può respirare l'aria del passato.

Ho mantenuto vivo l'impegno annuale del concerto degli Amici della Musica. Quast'anno ve ne sono stati due, data l'indisponibilità della contressa Tivan che non ha potuto tenere il concerto programmato in villa Matter.

Con mio figlio sto sognando di creare un luogo dove si fa arte e si organizzano eventi di varie discipline artistiche, sportive e sociali.

Qui a Mestre nord, proprio di fronte alla Caserma Matter edificata su un terreno che fu dei Malvolti e che venne confiscato nel 1938 dal Governo dell'epoca, sarà possibile far nascere e crescere una realtà nuova, per i miei genitori impensabile, e procedere verso il futuro, con serenità e soddisfazione.


92 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti